Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Regolarità nella terapia

terapiaLo scompenso cardiaco è una condizione cronica che richiede un’adesione costante e rigorosa al piano di cura predisposto dai medici. Assumere con regolarità i farmaci prescritti, nei tempi e nelle dosi indicate è il primo indispensabile passo che contribuisce a stabilizzare la condizione del paziente. A questo deve seguire un’attenzione altrettanto scrupolosa nel sottoporsi agli esami di controllo programmati e ad altre, essenziali misure di prevenzione.
I farmaci da assumere quotidianamente per lo scompenso cardiaco possono essere più d’uno e a questi, non di rado, se ne aggiungono altri, per altre patologie.

È utile predisporre una sorta di calendario o agenda che riporta nome del farmaco, orari d’assunzione e dosaggi.
Si evitano possibili confusioni e si tengono d’occhio le ‘scorte’, scoprendo per tempo quando è necessario chiedere al medico una nuova prescrizione.

È molto importante rispettare tempi e dosaggi indicati dal medico.
Mai fare di testa propria, riducendo o aumentando il dosaggio. Può succedere, quando ci si sente meglio, che ci si dimentichi di assumere il farmaco o, peggio, che non lo si consideri indispensabile in quel frangente. È un errore pericoloso, che può compromettere il controllo della patologia.

Il rapporto costante con il medico curante è essenziale.
Sarà il medico a stabilire eventuali modifiche nel dosaggio o nelle modalità di assunzione dei farmaci, in funzione dei sintomi e dello stato generale di salute del paziente, allo scopo di migliorare le sue condizioni nel breve e nel lungo termine.
Questo vale anche, a maggior ragione, per eventuali effetti indesiderati, che si ritiene collegati all’assunzione di qualche farmaco. Anche in questo caso, nessuna iniziativa personale: va informato subito il medico.
Chi soffre di scompenso cardiaco deve cautelarsi in modo particolare dal rischio di influenza e complicazioni respiratorie. Per questa ragione, è raccomandata la vaccinazione stagionale. Anche qui, tuttavia, sarà il medico, che è a conoscenza delle condizioni generali di salute del paziente e dei farmaci che assume, a valutare l’opportunità e l’eventuale tempistica di una profilassi antinfluenzale.

CONTATTI

AISC Associazione Italiana Scompensati Cardiaci
Telefono: +39 3387473575 – 06 54220296
Fax 06 99 36 76 13
Email: segreteria@associazioneaisc.org

iscriviti-alla-associazione

iscriviti-alla-newsletter

AISC Logo
Con il contributo non condizionato di: 
medtronic
Con la sponsorizzazione di
Novartis Logo
bayer
 
 
 
great italy logoFull Colour iHHub Logo Landscapelogo Pollica 1logo CSDM