Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Domande frequenti
  • Home
  • L’ESPERTO RISPONDE
  • Domande frequenti
  • Il paziente (familiare o amico) può essere lasciato solo? Deve sempre esserci una persona al suo fianco?
  • Il paziente (familiare o amico) può essere lasciato solo? Deve sempre esserci una persona al suo fianco?
    Tra gli aspetti più importanti, nella gestione di una patologia come lo scompenso cardiaco, c’è il benessere psicologico del paziente, che non deve sentirsi di peso o ‘menomato’. È fondamentale che non sia deresponsabilizzato o passivo in relazione alle cure, e chi si occupa di assisterlo in casa dovrebbe metterlo in condizione di conservare la propria autonomia decisionale.
    La necessità di una presenza costante è, naturalmente, collegata alle condizioni del paziente e alla gravità della patologia, dato che in prossimità di una crisi la tempestività nel ricorrere alle cure di emergenza è cruciale. Persone diverse hanno necessità diverse: la regola universale, in questo senso, è quella di offrire aiuto e sostegno senza mai diventare una fonte di condizionamento, preoccupazione o stress.

CONTATTI

AISC Associazione Italiana Scompensati Cardiaci
Telefono: +39 3387473575 – 06 54220296
Fax 06 99 36 76 13
Email: segreteria@associazioneaisc.org

iscriviti-alla-associazione

iscriviti-alla-newsletter

AISC Logo
Con il contributo non condizionato di: 
medtronic
Con la sponsorizzazione di
Novartis Logo
bayer
 
 
 
great italy logoFull Colour iHHub Logo Landscapelogo Pollica 1logo CSDM