Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Domande frequenti
  • Home
  • L’ESPERTO RISPONDE
  • Domande frequenti
  • . Sono un vostro associato, con scompenso cardiaco, da circa 10 anni dovuto a infarto anterolaterale, FE attuale 34%, da circa sei mesi in cura con farmaco ****** prima 24-26 mg da due mesi passato a dosaggio 49-51 mg, il mio problema è che ho un NT-pr
  • . Sono un vostro associato, con scompenso cardiaco, da circa 10 anni dovuto a infarto anterolaterale, FE attuale 34%, da circa sei mesi in cura con farmaco ****** prima 24-26 mg da due mesi passato a dosaggio 49-51 mg, il mio problema è che ho un NT-proBNP molto alto che nonostante l'aumento del dosaggio non tende a diminuire, attualmente 1700 , volevo chiedere come è possibile diminuire questo marcatore, o se ormai la situazione è compromessa , premetto che non ho gambe gonfie o tosse, in caso di sforzo fisico dolore alla bocca dello stomaco con senso di nausea, la mia eta' 53 anni |…|

    Risponde il Prof. Salvatore di Somma, Direttore del Comitato Scientifico AISC

    Gentile Sig.******

    Grazie della sua domanda.

    La riduzione del NTproBNP come risultato a conferma del raggiungimento di un buon risultato terapeutico nello scompenso cardiaco è sicuramente un target importante. Tuttavia ci sono alcune situazioni nelle quali tale obbiettivo non è ottenibile; non tanto e non solo perchè magari il risultato terapeutico non sia soddisfacente.. ma solo perchè il valore di tale biomarcatore è inficiato da altre patologie concomitanti quali la Fibrillazione atriale o la insufficienza renale.

    In tali situazioni la valutazione del valore del NTproBNP deve essere considerato con scetticismo.

    Nel suo caso appunto, la situazione clinica sembra buona ed accanirsi nella riduzione dell'NTproBNP potrebbe non essere necessario...(se presenti fattori confondenti sulla interpretazione del biomarcatore).

    Comunque ,alla luce delle mie considerazioni, sono sicuro che parlandone con gli stimati colleghi del centro che già la segue troveranno la soluzione migliore per lei.

    Sperando di esserle stato di aiuto, non esiti a ricontattarci.

CONTATTI

AISC Associazione Italiana Scompensati Cardiaci
Telefono: +39 3387473575 – 06 54220296
Fax 06 99 36 76 13
Email: segreteria@associazioneaisc.org

iscriviti-alla-associazione

iscriviti-alla-newsletter

AISC Logo
Con il contributo non condizionato di: 
medtronic
Con la sponsorizzazione di
Novartis Logo
bayer
 
 
 
great italy logoFull Colour iHHub Logo Landscapelogo Pollica 1logo CSDM