Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

Domande frequenti
  • Home
  • L’ESPERTO RISPONDE
  • Domande frequenti

Domande frequenti

LE DOMANDE DEL PAZIENTE

  • Devo fare la Tac coronarica devo sospendere il cumadin e passare all'eparina ? o non serve

Risponde la Dott.ssa Fiorella Cavuto, membro del nostro Comitato Scientifico:

Gent.ma Sig.ra ****

Buongiorno, per poter eseguire la Tac coronarica non è necessario sospendere la terapia in corso (che può essere assunta con un pò d’acqua), ed in particolare non è necessario sospendere il trattamento anticoagulante con Coumadin. Cordiali saluti.

  • Buonasera sono portatrice di PM ho scoperto che a 5m da casa mia sarà installato un rip telef. di circa 30m potrei avere problemi?

Risponde il Dr. Pietro Lentini, membro del nostro Comitato Scientifico:

Gent.ma Sig.ra ****
sicuramente i telefoni cellulari possono arrecare disturbo ai pacemaker in particolare nel momento in cui si attivano per la ricezione di una chiamata e dovrebbero stare a una distanza mai inferiore a 15 cm dal pacemaker. Per quanto riguarda i ripetitori telefonici esistono delle normative che devono essere rispettate e bisognerebbe far fare una perizia da personale tecnico per verificare che siano state rispettate nel caso specifico.
 
  • Buonasera, sono una figlia preoccupata per padre di 81 anni fortemente malato cn scompenso cardiaco cn fe al 20%, e anemia al 3,66 ....il suo medico curante vuole in fretta e furia fare il vaccino Moderna...gentilmente volevo un consiglio da un medico competente... confido in voi e ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

Risponde la Dr.ssa P. Antonini, medico specialista in Farmacologia Clinica Great Health Science:

Gent.ma Sig.ra****

Sulla base delle scarse informazioni fornite non appare ci siano controindicazioni al vaccino Moderna. D’altra parte il rischio di infezione sintomatica da COVID 19 è sicuramente elevato e questo è il motivo per cui il medico curante sta spingendo per fare la vaccinazione. Mi rimetterei quindi al giudizio del medico curante, considerando anche che a tutt’oggi il vaccino Moderna risulta ben tollerato anche nella popolazione anziana. Cordiali saluti.

 

  • Avendo fatto la prima dose con Astrazeneca e avendo 37 anni ma lavorando in campo educativo e portatore di patologia pregressa mi chiedevo se avessi ancora diritto per la seconda dose. Grazie infinite.

Risponde la Dr.ssa P. Antonini, medico specialista in Farmacologia Clinica Great Health Science:

Gent.mo Sig.****

certamente lei ha diritto alla seconda dose, qualunque sia il vaccino utilizzato ( Astrazeneca  o Pfizer o Moderna). La campagna vaccinale non prevede l’utilizzo di una singola dose e sono state previste le scorte per la seconda vaccinazione. Cordiali saluti.

  • chiedo un'informazione riguardo i tipi di vaccino attualmente in uso. Vi informo che mio padre ha subito la sostituzione della valvola aortica e volevo sapere se ci sono dei vaccini che hanno controindicazioni per la patologia di mio padre quindi da evitare. Grazie

Risponde la Dr.ssa P. Antonini, medico specialista in Farmacologia Clinica Great Health Science:

Gent.mo Sig.****

al momento non vi sono controindicazioni all'uso per nessuno dei vaccini disponibili ( Pfizer, Moderna e AstraZeneca) nei soggetti che siano stati sottoposti ad  intervento cardiochirurgico, nello specifico con sostituzione di valvola. L'unica cautela che potrebbe essere suggerita dal medico curante è l'eventuale sospensione per un paio di giorni dell'anticoagulante eventualmente in uso (se in uso) al fine di evitare ematomi al sito di iniezione. Cordiali saluti.

  • Mi è stato impiantato un pacemaker, e vi chiedo se posso zappare l'orto, spaccare legna, usare il trapano scalpellatore e il decespugliatore.

Risponde il Dr. Antonio De Simone, Responsabile Elettrofisiologia della Clinica San Michele di Maddaloni:


Gent.mo Sig. ****
può fare tutto con moderazione. Per quanto riguardo l'utilizzo del trapano scalpellatore e il decespugliatore sono ambedue dispositivi elettrici e non danno problemi ma ovviamente vanno utilizzati con moderazione per non sollecitare troppo la parte muscolare sede dell’impianto, soprattutto nel caso del decespugliatore. Sperando di esserLe stati di aiuto cordiali saluti.

 

  • Buonasera, mi è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo per un’aritmia ventricolare volevo sapere gentilmente se posso ancora usare i macchinari da falegname (pialle e seghe circolari). Grazie.

Risponde il Dr. Antonio De Simone, Responsabile Elettrofisiologia della Clinica San Michele di Maddaloni:


Gent.mo Sig. ****
in genere i dispositivi meccanici non sono controindicati. Quindi pialle e seghe circolari non danno problemi. Buona giornata.

  • Buon giorno, il 7 aprile dovrò ricevere la prima dose di vaccino Astrazeneca. Ho 72 anni e ho avuto una trombosi all'occhio destro. Assumo: Karvea, Cardicor, cardioaspirin. Chiedo se posso ricevere questo vaccino in sicurezza. Grazie

Risponde la Dr.ssa P. Antonini, medico specialista in Farmacologia Clinica Great Health Science:


Gent.ma Sig.ra ****
È importante conoscere il responso dell'Agenzia Europea del Farmaco (EMA) sul vaccino AstraZeneca: sono stati esclusi legami in generale con trombosi. Alcuni sintomi cui prestare attenzione saranno presto inseriti nel foglietto illustrativo del farmaco
•    L’EMA ha valutato che il vaccino non è associato a un aumento del rischio di eventi tromboembolici che, complessivamente, sono stati 469 (tra studi clinici e segnalazioni dopo l’autorizzazione all’uso): un numero inferiore a quello atteso nella popolazione. Inoltre, non c’è nessuna base fisiologica attualmente conosciuta che possa permettere di dire che questo tipo di vaccino sia in grado di innescare meccanismi trombotici.
•    L’EMA non ha escluso un legame con un particolare tipo di trombosi. Quale?
Una «coagulazione intravascolare disseminata», ed una «trombosi venosa cerebrale», dovuta all’occlusione di una vena del cervello. Questa trombosi atipica si riscontra raramente e in pazienti affetti da tumori del sangue o in donne in terapia estroprogestinica. Dopo le analisi di tutti i rapporti sui casi seguiti alla vaccinazione, si è osservato un incremento di episodi in giovani donne (sotto i 55 anni) non visto nella popolazione più anziana e l’EMA non ha escluso un legame tra questi casi e il vaccino. Si tratta, però, di pochi casi e di un tempo di osservazione troppo breve.
•    Ci saranno avvertenze sul foglietto illustrativo relative a questa patologia, quali?
L’invito a rivolgersi a un medico in caso di «affanno, dolore al petto o allo stomaco, gonfiore o freddo a un braccio o una gamba, mal di testa grave o in peggioramento o visione offuscata dopo la vaccinazione, sanguinamento persistente, piccoli lividi multipli, macchie rossastre o violacee o vesciche di sangue sotto la pelle».

Inoltre, è opportuno segnalare nella scheda vaccinale - che viene verificata dai medici vaccinatori prima della inoculazione del vaccino- la pregressa patologia e discuterla con i medici nella verifica che viene effettuata al centro vaccinale prima della somministrazione.
Sperando che quanto sopra possa essere di utilità si ribadisce come al momento una storia di trombosi non rappresenta controindicazione all'inoculazione del vaccino.
 
  • Sono stato prenotato per la vaccinazione anticovid immagino con AstraZeneca. Io sono un soggetto 'fragile': coronopatico con qualche episodio di scompenso, obeso, soggetto a diverse allergie (per farmaci e per alimenti). Non dovrei essere vaccinato con Pfizer? Mi dareste delle dritte per favore? Grazie

Risponde la Dr.ssa P. Antonini, medico specialista in Farmacologia Clinica Great Health Science:


Gent.mo Sig.****
In realtà non ci sono controindicazioni alla vaccinazione con il vaccino AstraZeneca anche nei pazienti affetti da patologie multiple. Tra le avvertenze nella scheda tecnica troviamo l'ipersensibilità al vaccino stesso, stati di immunosoppressione e trombocitopenia, situazioni che non sembrano riguardarla. Per tale motivo, appare difficile chiedere di essere vaccinati con il vaccino Pfizer. Il nostro consiglio è comunque di riportare e discutere in dettaglio la propria condizione con il medico del centro di vaccinazione che deve rivedere l'anamnesi di ciascun paziente prima che la vaccinazione venga eseguita. Se il medico lo riterrà opportuno potrà prendere provvedimenti quali cambiare il vaccino, anche se al momento mi appare difficile che ciò accada. Personalmente non vedo particolari rischi alla vaccinazione con il vaccino AstraZeneca che ricordiamo è stato già ampiamente utilizzato in Inghilterra senza limiti di età e patologie pregresse. Comunque, per qualsiasi ulteriore precisazione, rimaniamo a disposizione.

  • Buonasera, esiste la possibilità di assistere a domicilio malato di SC a cui è necessaria somministrazione di dopamina e dobutamina? Grazie

Risponde il Dr. Giuseppe Leonardi, componente del nostro Comitato Scientifico:

Gent.mo Sig. ****
I farmaci menzionati sono di esclusivo uso ospedaliero. Purtuttavia in passato alcune ASP come quella di Trieste aveva concordato quale cura palliativa la somministrazione di tali farmaci a dosaggio fisso con pompe a lenta infusione non modificabili dal paziente attraverso sistemi di infusione sottocutanei tipo port-cath. I farmaci in questione aumentano la mortalità per aritmia, per cui è stato preferito fare infusioni periodiche di Levosimendan in day Hospital. Comunque, il paziente deve firmare un consenso informato in cui si assume la totale responsabilità. Sperando di esserLe stati di aiuto, si inviano cordiali saluti.

CONTATTI

AISC APS - Associazione Italiana Scompensati Cardiaci Associazione di Promozione sociale

Sede legale: Via della Meloria, 37 - 00136 Roma
Sede operativa: Viale Pasteur, 77 - 00144 Roma
Telefono: +39 3387473575 – 06 54220296
Fax 06 99 36 76 13
Email: segreteria@associazioneaisc.org

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

                

 numero verde  NUMERO VERDE GRATUITO PER TELECONSULTO 800405952

 

Chi desidera contribuire a sostenere l'Associazione può effettuare una donazione tramite bonifico bancario:
IBAN:
IT53H 01005 03225 000000000842
INTESTAZIONE:
AISC Associazione Italiana Scompensati Cardiaci
CAUSALE:
ELARGIZIONE LIBERALE

iscriviti-alla-associazione

icona 1

AISC Logo
Con il contributo non condizionato di: 
medtronic
Con la sponsorizzazione di
 
novartis rm logo pos rgb xsito

BSC wtag 541blue 2020

bayer
 
MERCK LOGO Rich Purple RGB 1
 
BI Logo CMYK
 
LOGO a sig horiz 2c bk jpg
 
AZ RGB H COL
 
 
 
great italy logoFull Colour iHHub Logo Landscapelogo Pollica 1logo CSDM